S. ANNA SESTRI LEVANTE

Realizzazione: Febbraio 2016

Da 25 anni la falesia di Sant’Anna rappresenta per gli scalatori del Levante ligure un luogo dove ritrovarsi nelle ore infrasettimanali sottratte al lavoro, agli impegni familiari, all’incalzare di una vita troppo veloce.

Un piccolo rifugio insomma, anche solo per prendere un po’ di sole, a pochi minuti dal parcheggio e da una strada trafficata di cui incredibilmente non si avverte il rumore grazie al sottofondo costante del mare. I locals sanno anche però che questo sito ha dei problemi di sicurezza diciamo così ‘fisiologici’, le scariche di sassi infatti soprattutto dopo periodi di forti piogge non sono per nulla una novità.

Con questi presupposti, arrivato il momento di sostituire il materiale in parete ormai logoro vista l’incidenza distruttiva dell’ambiente marino, ci siamo chiesti se era veramente il caso intervenire ma la risposta dei frequentatori è stata perentoriamente affermativa, nonostante tutto.

Da chiodatori d’esperienza ribadiamo comunque che questa è una parete potenzialmente pericolosa, dove il casco è la minima forma di protezione da indossare quindi SEMPRE. Uomo avvisato…

Un pò di numeri: 11 le soste sostituite, 50 i chiodi aggiunti o sostituiti, 4 le giornate di lavoro e 500 gli euro spesi per il materiale tutto in inox 316L, l’eccellenza sul mercato.

Ora, visto che, a dispetto di quello che ancora pensano molti, l’arrampicata non è gratis ma come altre cose sta diventando un lusso, sarebbe ‘cosa buona e giusta’ che TUTTI i praticanti si sentissero coinvolti nell’autofinanziamento della stessa…
Ognuno per quello che può, anche pochi euro, ma facciamolo!

Punto di raccolta offerte il negozio L’Arte di Salire in Alto di Chiavari www.artedisalire.it o qui con PayPal

Icon
S. Anna

sant_anna